Sarà un’estate tutta in montagna per chi resta in Italia e per il mare bisognerà andare all’estero? L’ipotesi non è così remota perché il coprifuoco imposto alle 22 fino al 31 luglio porta molti a pensare ad un modello di vacanza “montanara”. Impensabile chiudersi in una camera d’hotel nelle località di mare, con temperature alte e voglia di stare all’aria aperta, magari proprio in riva al mare, cenando tardi e godendosi un lungo dopo cena. Il Governo ha promesso dei check point ogni 15 giorni per valutare di spostare a mezzanotte il “tutti in casa”, ma ci si crede poco. E comunque resta sempre il problema di fondo: sarà impossibile programmare.